Likes

Livorno - Celebrazione di Santa Giulia
Toscane
Secondo la Passio Giulia era una ricca e nobile donna della città di Cartagine, che cadde in rovina e che, schiava, venne acquistata da un mercante siriano di nome Eusebio, che le fece girare il mondo insieme a lui. In uno di questi viaggi, la nave di Eusebio naufragò sulle coste della Corsica, dove regnava un infido despota che si faceva chiamare 'governatore', e il cui nome era Felice. I naufraghi, disperati, fecero sacrifici agli dei, mentre Giulia si rifiutò in quanto era di religione cristiana. Il governatore Felice aveva puntato gli occhi su quella dolce e bella schiava, e chiese al mercante Eusebio di poterla acquistare. Alla risposta negativa del mercante, Felice si adirò non poco, e una sera, approfittando di un'ubriachezza del mercante siriano, si fece portare dinnanzi a Giulia, promettendole la libertà dalla condizione di schiava se avesse fatto un sacrficio agli dei. Allora la donna avrebbe risposto «io sono già libera servendo Gesù Cristo mio Signore, mentre non potrei mai esserlo se servissi i vostri idoli pagani.» Il governatore, seccato, tentò più volte di convincerla, ma alla fine, ricevendo l'ennesima risposta negativa, ordinò che, il giorno seguente, alla schiava venissero strappati i capelli, che venisse flagellata, e da ultimo che fosse crocifissa come il Dio che ella amava. Quella notte, alcuni monaci abitanti dell'isola di Gorgona vennero informati in sogno di quello che sarebbe accaduto a Giulia la mattina successiva, e si affrettarono quindi al risveglio con le loro barche a raggiungere il luogo del martirio e che, giunti a poche centinaia di metri dalla costa della Corsica, avvistarono la croce a cui era inchiodata alle mani e ai piedi la povera donna, e che, fissata alla croce, vi stava una carta con la storia del martirio e il suo nome, Giulia, che a detta dei monaci che recuperarono il corpo dell'infelice, era stata scritta "da mani angeliche". Successivamente il cadavere venne trasportato su Gorgona e lì unta di oli aromatici, ripulita e deposta in un sarcofago. Seconda versione [modifica] La crocifissione di Santa Giulia, di Hieronymus Bosch Secondo un'antica tradizione corsa,[senza fonte] Giulia nacque a Nonza, un piccolo paese sulla punta ovest di Capo Corso, nel III secolo. In quegli anni, particolarmente feroci erano state le persecuzioni contro i cristiani, e l'ormai decadente Impero Romano, nel tentativo di risollevare dalle ceneri le vecchie divinità pagane, nel 303 organizzò grandiose feste nelle quali fu invitata a partecipare tutta la popolazione. In particolare, molte donne furono inviate per onorare il Pantheon Latino, e fra esse vi era anche Giulia. Quando le venne ordinato d'inchinarsi di fronte alla statua di Giove, ella si rifiutò ed andò ad inginocchiarsi a pregare davanti alle porte chiuse di una chiesa. Questo fece infuriare i presenti, che le imposero di rinnegare la sua fede cristiana. Al suo netto rifiuto, la condannarono al supplizio della croce. Ma, vedendo la calma e la serenità della Santa, le strapparono i seni e li gettarono davanti ad un masso. Dopodiché la crocifissero. Ai piedi della pietra lo stesso giorno cominciò a sgorgare una sorgente calda, dove venne costruita una cappella che ancora oggi si può ammirare a Nonza, di cui Santa Giulia è patrona. http://it.wikipedia.org/wiki/Giulia_di_Corsica
Copyright: Stefano gelli
Type: Spherical
Resolution: 8000x4000
Chargée: 23/05/2012
Mis à jour: 15/04/2014
Affichages ::

...


Tags: chiesa; santa; culto; patrono; santa giulia; livorno
comments powered by Disqus

Stefano Gelli
Mercato ortofrutticolo - Livorno
Stefano Gelli
Via Cairoli - Livorno
Mike Weidner - www.panomorph.de
0479 20120806 Livorno 1
Simona Bartolomei
Inside The Central Market
Stefano Gelli
Livorno - Mercato delle vettovaglie
Stefano Gelli
Fossi Medicei - Livorno
Mike Weidner - www.panomorph.de
0480 20120806 Livorno 2
Stefano Gelli
Fortezza Nuova - Livorno
Stefano Gelli
Livorno - Monumento dei Quattro Mori
Stefano Gelli
Fortezza Nuova - Livorno
Stefano Gelli
Livorno - Milleunastoria
Stefano Gelli
Fresh fish - Livorno
Martin Hertel
Venice - Rialto-Bridge
Jeffrey Martin
360º Aerial Photo of the Kamenny Privoz Skyline G0064658
Olga Parshina
Into the brain
Dave Walker
Rievaulx Abbey High Altar
Brandon Ore
The Healing Room, Saint Roch Cemetery, New Orleans
Günter Jibben
Aurich mausoleum
wongchichuen
Lantau Link Two Bridge(青嶼雙橋---左青馬右汀九), Tsing Yi, NT, HK
Jeffrey Martin
360º Aerial Photo of the Kamenny Privoz Skyline - G0064751
Christian Kleiman
Kiosko Le Petit Eiffel en el Campo de Marte
luis davilla
Noto
Fabian Lueghausen
Cathedrale Notre Dame de Strasbourg
Nikolay Isaev
House mountain
Stefano Gelli
Amici al S. Maria - Peio Fonti
Stefano Gelli
Museo della Grande Guerra - Peio (TN)
Stefano Gelli
Querceto - Interno della chiesa
Stefano Gelli
Querceto - Pieve di San Giovanni Battista HDR
Stefano Gelli
Querceto - Il Castello
Stefano Gelli
Piazza Duomo - San Gimignano
Stefano Gelli
Twins
Stefano Gelli
Trafalgar Square - london
Stefano Gelli
Chiesa di San Jacopo - Cripta - Livorno
Stefano Gelli
Souvenir
Stefano Gelli
Livorno - Teatro Goldoni
Stefano Gelli
Basilica di S. Piero a Grado (a bird's eye view)
More About Toscane

The Tuscany, one of the most beautiful Italian regions, is known throughout the world for its Landscapes and for the Works of Art that it houses (It is the birthplace of the Italian Renaissance). Six localities have been designated World Heritage Sites: the Historical Center of Florence, Siena, San Gimignano and Pienza, the Square of the Cathedral of Pisa with the Leaning Tower and the Val d'Orcia. It is in the central Italy and borders with Emilia Romagna (north), Marche and Umbria (east) and Lazio (South). The West coast is bathed from the Ligurian and Tyrrhenian Sea; here we can find the islands of the Tuscan archipelago including the island of Elba. The regional capital is Florence and the other provinces are: Arezzo, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa, Pisa, Pistoia, Prato and Siena.