0 Likes

Chiesa plebana di S. Stefano
Switzerland

La chiesa a navata unica, documentata fin dal 1078, prese l’odierno aspetto nel 1445; fu trasformata alla fine del XVI sec. mediante l’inserimento delle volte e degli archi trasversali e nel 1762-72 con l’aggiunta del presbiterio e dell’abside.

Restauri 1935; 1952-53 (Cino Chiesa), 1995-96.

Della costruzione romanica si è conservato il campanile, incorporato nell’asse mediano della facciata; alta torre di sette piani ritmati da specchiature coronate da archetti, con bifore e tetto conico. In facciata: portico a tre campate su colonne del 1645 e, a des., frammento di affresco tardogotico di S. Cristoforo.

Sopra la porta laterale des., datata sull’architrave 1445, c’è una lunetta contenente la Madonna col Bambino e due angeli.

Lungo le pareti esterne corre un fregio di archetti pensili; antiche finestre e portale nel fianco S, ora murati. Interno: vasta aula a quattro campate voltate a crociera sorrette dagli archi trasversali in mattoni che delimitano le cappelle laterali.

La quinta campata e il coro sono articolati da paraste reggenti il cornicione su cui è impostata la volta a botte lunettata.

Ricchissime decorazioni: altare maggiore neoclassico portante un tempietto a colonne eretto su disegno di Luigi Canonica; a ridosso dello stesso, cornice in stucco tardo settecentesca e notevole dipinto della lapidazione di S. Stefano, 1577-81; stalli rinascimentali per quattordici cantori, decorate con colonnine, conchiglie a lunetta e bassorilievi scolpiti a motivi ornamentali, vegetali e figurativi, opera firmata da Andrea Caratano, 1568.

Sulle pareti laterali del coro: due scene dipinte dalla vita di S. Stefano eseguite da Giuseppe Antonio Felice e Vincenzo Angelo Orelli, in cornici illusionistiche di Baldassare Orelli, 1776-77.

Prima cappella laterale S (procedendo da E a O): organo del 1953 con parapetto dipinto in tecnica camaïeu, XVII sec. Nella seconda, priva d’altare: affresco staccato della Madonna in trono, datato 1577, proveniente da una cappella votiva di Peccia. Nella terza cappella dedicata alle Anime purganti: stucchi sulla volta databili al terzo quarto del XVII sec. ; altare in stucco incorniciante l’affresco della Crocifissione con la figura frammentaria di S. Bernardino attr. alla bottega dei seregnesi, terzo quarto XV sec.; sulle pareti e sulla volta, affreschi di Francesco Antonio Giorgioli raffiguranti scene del Purgatorio e della Liberazione delle animi, 1686 ca.; paliotto in scagliola, metà XVIII sec.

Nella quarta cappella, di S. Antonio: stucchi sulla volta, datati 1666 nel cartigio centrale; affreschi con episodi della vita del santo, XVII sec.; statua del santo opera di Alfonso Insam, 1964; paliotto in scagliola, metà Settecento.

Nella quinta cappella: affreschi tardogotici raffiguranti (da sin. a des.) la Madonna, S. Sebastiano, S. Rocco e committente inginocchiato, la Madonna in trono con i SS. Sebastiano e Rocco e un’altra Madonna in trono con una santa, seconda metà XV sec.; affresco strappato con S. Sebastiano.

Sul campanile: affreschi quasi cancellati raffiguranti S. Bernardino da Siena e due figure di S. Sebastiano; gruppo scultoreo in legno della Crocifissione, XVI sec.; inferiormente, rivestimento in legno a motivi architettonici, prima metà XVII sec.

Nella quinta cappella N: dipinto di S. Martino vescovo, inizio XVIII sec.

La quarta è impreziosita da stucchi sulla volta, affreschi sulle pareti e altare in stucco con pala della Crocifissione e i SS. Orsola e Carlo, prima metà XVII sec.; paliotto in scagliola, metà XVIII sec.

Nella terza cappella, dedicata alla Madonna: prezioso altare in marmo con colonne tortili opera di Battista Moggi e Stefano Lepori, 1687; statua lignea della Madonna, prima metà XVI sec.; Misteri del Rosario dipinti su marmo da F. A. Giorgioli, 1690 ca.; sulle pareti e sulla volta, figure affrescate dei SS. Lucia, Caterina, Domenico, Pietro e angeli in cornici a stucco databili all’inizio del XVII sec.; sopra l’archivolto dell’arco, drappeggio in stucco, fine XVII sec.

Nella seconda cappella: affreschi e stucchi sulla volta; paliotto in marmo, forse appartenente all’antico altare maggiore, XV-XVI sec.; altare in stucco contenente la pala di S. Gerolamo, secondo quarto XVII sec., sotto la quale nel 1952 fu rinvenuto un affresco quattrocentesco raffigurante il “Cristo festivo” ferito dagli strumenti di lavoro, ammonizione a non lavorare di domenica; affresco strappato della Decollazione del Battista, tardo XV sec.

La prima cappella N, dedicata a S. Caterina, è del 1772: balaustra in marmo rococò; tela con il Padre Eterno e i SS. Vincenzo Ferrer e Caterina, terzo quarto XVIII sec.

(fonte: autori diversi (2008, seconda edizione): Guida d'arte della Svizzera italiana, a cura della Società di storia dell'arte in Svizzera (SSAS), pp. 376-377, Edizioni Casagrande, 604 pagine)

Copyright: Aurelio Ferrari
Type: Spherical
Resolution: 8000x4000
Uploaded: 24/02/2012
Updated: 23/07/2014
Views:

...


Tags: church
comments powered by Disqus

Aurelio Ferrari
Parish church of S. Stefano (rear)
Aurelio Ferrari
Campestro Nucleo 360
Aurelio Ferrari
Lopagno Nucleo 360
Aurelio Ferrari
Chiesa dei santi Matteo e Maurizio
Aurelio Ferrari
Church of Madonna di Casletto
Aurelio Ferrari
Convent of Bigorio - chapel
Aurelio Ferrari
Convent of Bigorio - refectory
Aurelio Ferrari
Convent of Bigorio - museum
Aurelio Ferrari
Convent of Bigorio - coro dei frati
Aurelio Ferrari
Convent of Bigorio - corridor
Aurelio Ferrari
Convent of Bigorio - library
Aurelio Ferrari
Convent of Bigorio - garden
Willy Kaemena
Lima Larcomar
Seungsang Yoo(유승상)
Peru Salineras
Evgeny Efimov
Night view from the Singapore Flyer, Singapore
Andrei Zdetoveţchi
Hunting for the Perseids 2010
NT360 Sanal Tur
Kutahya cinili cami ic
Willy Kaemena
Arequipa Plaza Armas
Alexander Peskov
Зима в Северном Бутово. 3 января 2011
Luciano Correa | Vista Panoramica
Praia da Ilha Prumirim em Ubatuba SP Brasil
Willy Kaemena
Cusco Plaza de Armas
Valentin Arfire
steam locomotive view
Willy Kaemena
Peru Rail Andean Explorer 4313m La Raya
John Willetts ARPS
Trebarwith Strand, Cornwall
Aurelio Ferrari
Oratory of S. Nicolao
Aurelio Ferrari
Church of S. Maria Bambina
Aurelio Ferrari
Campestro Nucleo 360
Aurelio Ferrari
Oratorio di S. Nicolao - Santuario dei ciclisti
Aurelio Ferrari
Church of S. Stefano
Aurelio Ferrari
Grotto Leoni (sala riunioni)
Aurelio Ferrari
Parish church of S. Stefano (rear)
Aurelio Ferrari
Convent of Bigorio - coro dei frati
Aurelio Ferrari
Chiesa parrocchiale dei santi Giovanni Battista e Martino di Tours
Aurelio Ferrari
Torchio of Ca d'Mutal - Ludiano - rear
Aurelio Ferrari
Chiesa dei santi Matteo e Maurizio
Aurelio Ferrari
Castle of Serravalle - 2
More About Europe

Europe is generally agreed to be the birthplace of western culture, including such legendary innovations as the democratic nation-state, football and tomato sauce.The word Europe comes from the Greek goddess Europa, who was kidnapped by Zeus and plunked down on the island of Crete. Europa gradually changed from referring to mainland Greece until it extended finally to include Norway and Russia.Don't be confused that Europe is called a continent without looking like an island, the way the other continents do. It's okay. The Ural mountains have steadily been there to divide Europe from Asia for the last 250 million years. Russia technically inhabits "Eurasia".Europe is presently uniting into one political and economic zone with a common currency called the Euro. The European Union originated in 1993 and is now composed of 27 member states. Its headquarters is in Brussels, Belgium.Do not confuse the EU with the Council of Europe, which has 47 member states and dates to 1949. These two bodies share the same flag, national anthem, and mission of integrating Europe. The headquarters of the Council are located in Strasbourg, France, and it is most famous for its European Court of Human Rights. In spite of these two bodies, there is still no single Constitution or set of laws applying to all the countries of Europe. Debate rages over the role of the EU in regards to national sovereignty. As of January 2009, the Lisbon Treaty is the closest thing to a European Constitution, yet it has not been approved by all the EU states. Text by Steve Smith.