1 Like

Staletti piazza Roma
Italy

Il centro medievale (Stalacti - Scallacti - Staldati), forse un agglomerato rurale, risulta esistente nel sec. XIII, ma abbandonato dai suoi abitanti per eccessive gravezze feudali. Nel 1310, nei documenti relativi al pagamento delle decime, viene citato come castrum Scallachi Squillacensis diocesis. La denominazione di castrum nasce forse dall'immagine di strutture di difesa allora esistenti.

Nulla sappiamo di costruzioni medievali nel piccolo borgo, tranne che per l'abbazia di San Gregorio poi largamente ricostruita e già sorta extra-moenia. Una relatio ad limina del marzo 1668 ci dice che Stalettì conta otto chiese. L'organizzazione ecclesiastica suppone che il centro abbia raggiunto una certa consistenza demografica, nonostante le gravi incursioni turche subite nel 1644 e 1645.
La storia di Staletti e del suo territorio è legata alla vita feudale di Squillace. Nel 1443 sono attestati 355 abitanti che, nel secolo successivo, diventano 785 e poi 1075 e 1195, secondo una chiara linea d'incremento economico e demografico.
Poi, una forte contrazione: 1150 nel 1648 e 620 nel 1669. Ciò a causa probabilmente delle feroci incursioni turche ricordate anche dagli scrittori.
Poi, il terremoto del 1783 con enormi danni.
Staletti entra dal pieno Medioevo all'età moderna, come parte della signoria feudale di Squillace. La sua vita, ormai di borgo rurale e casale, s'inoltra nel solco dell'amministrazione del feudo, passando dai Marzano ai Borgia ed ai De Gregorio. Il suo percorso di raccordo abla costa è rappresentato da quella "Via Grande", che scende verso il mare con una carreggiata oggi ancora in gran parte coperta da irregolari lastroni di pietra. La denominazione e l'origine dal grande portico cinquecentesco addossato al prospetto della Chiesa Madre, danno conto della denominazione quale percorso di massima importanza fra l'abitato e quell'approdo costiero, ricordato dalle fonti seicentesche.
Su consistenza e sviluppo del centro storico dalla metà del Settecento al tardo Ottocento, fondamentale rimane l'analisi compiuta dal gruppo di studiosi facente capo ad Emilia Zinzi che ha individuato tre fasi storiche da quella pre 1783 agli inizi del Novecento.
Si segnalano i palazzetti Aracri, Fazzari, Giordano, Griffo, Grillone, Silvestri e quanto resta di oniginanio nei palazzi Messina, Veraldi, Blandini, Rocca-Rachetta.
A destinazione artigiana o contadina, alcuni blocchi di unità abitative a schiera, con scala interna o esterna, ad una o due rampe. Altra tipologia edilizia diffusa è quella di unità abitative unifamiliari con monorampa su cortile unico ad uno o due accessi.
Poche le chiese nel centro storico, rispetto alla notevole rete documentata nelle fonti ecclesiastiche. Evidentemente, saranno andate perdute nel terremoto del 1783. Di particolare interesse la Chiesa Madre probabilmente insistente su una struttura più antica. Sulla facciata di curata fattura tardo-cinquecentesca, si addossa una struttura arcuata, coperta a crociera e delimitata da tre grandi archi a tutto sesto in conci lapidei, di buon taglio e disegno con modanature e cornice aggettante. L'insieme, che costituisce una specie di pronao arcuato, probabilmente ha costituito in ingresso difensivo-rappresentativo al casale oppidum, raccordato alla costa dalla vicina "Via Grande".

View More »

Copyright: Vito Ciccarello
Type: Spherical
Resolution: 4000x2000
Uploaded: 06/03/2009
Updated: 25/09/2014
Views:

...


Tags: staletti; san gregorio taumaturgo; copanello; caminia; pietragrande.
comments powered by Disqus

Vito Ciccarello
Comune di Staletti spiaggia di Copanello Lido
Vito Ciccarello
Hotel club Cala Longa
Andrea Grande
Palazzo De Nobili sede del Comunale Catanzaro
Andrea Grande
Villa Margherita Catanzaro
Andrea Grande
Interno del Teatro Politeama di Catanzaro
Andrea Grande
Vista notturna da via Carlo V del ponte di Catanzaro
Eva and Sascha Henke
Little Church
Simone Correale
Monastero Greco Ortodosso San Giovanni Thirestis
Simone Correale
Monastero Greco Ortodosso San Giovanni Thirestis
Vincenzo Bernardi
A day in the countryside
Federico Esposito
Street of "Canneto"
Alessandro T.
Guardavalle - lungomare
Шубкин Сергей
Свято-Введенский Толгский женский монастырь.
Simona Bartolomei
Andrea Salvetti exhibits in Amphitheatre Square
Willy Kaemena
Amtrak Bedroom
Willy Kaemena
Grand Canyon South Rim
Ronald Tichelaar
On The Ferry From Denmark To Norway
Leif Nygaard Eilertsen
Dragoer Amagermuseum Courtyard Autumn
Willy Kaemena
Sightseer Lounge
Anton Eryomin & Paul Bouryanov
Graffiti in the abandoned pavilion of the exhibition of achievements of national economy. September, 2009. Barnaul, Russia.
Rust 360
Birkenhead Docks - 03
Vasily Kumaev & Andrew Mishin
Pond in Hordovo (2009)
dieter kik
Chapelle Saint Philibert Ploneour Lanvern
Anton van Tetering
Dom Tower Utrecht the Netherlands
Vito Ciccarello
Citta di Tivoli piazza Trento
Vito Ciccarello
Piscina
Vito Ciccarello
Citta di Tivoli via del Trevio
Vito Ciccarello
Duomo di Tivoli - Basilica Cattedrale di San Lorenzo Martire
Vito Ciccarello
Chiesa di San Pietro alla Carita Tivoli
Vito Ciccarello
Hotel club Cala Longa
Vito Ciccarello
Comune di Staletti spiaggia di Copanello Lido
Vito Ciccarello
Staletti piazza Roma
Vito Ciccarello
Citta di Tivoli piazza Garibaldi
More About Italy

The name "Italy" is shrouded in mystery; some etymologists trace it to a Greek word meaning "the land of young cattle."Italy was fond of Jupiter and Mars from the very start, Jupiter for fatherly good luck and Mars for war!But it all began with Rome. Rome was founded by Romulus and Remus who were sons of Rhea and Mars.The twins were abandoned at birth out of a fear that they would grow up and later overthrow Amelius, usurper of their grandfather's rightful throne.Wrongful mis-doings most foul! Treachery and sabotage!! HOW would these two blessed infants make their way in such a world?As it turns out, the twins didn't have to make their way very far, because one of them killed the other one and then they weren't twins anymore. But that happens later.First they got rescued by a she-wolf who suckled them with her milk and raised them as her own until they were discovered by the shepherd Faustulus.Faustulus fed them meat and bread and also raised them as his own until they were old enough to return to Amelius and hack him up as planned. They reinstated the grandfather Numitor to his rightful throne and went off to celebrate by starting a town of their own.They chose a hilly area where the mama wolf had saved them from certain death in the barren wilderness and began scouting locations.Romulus liked one hill. Remus liked another. The circle of crows like Romulus' hill, so Romulus killed Remus and named the town after himself. Thus Rome was born and Italy with it.Text by Steve Smith.