N
N
Projections and Nav Modes
  • Normal View
  • Fisheye View
  • Architectural View
  • Stereographic View
  • Little Planet View
  • Panini View
Click and Drag / QTVR mode
Share this panorama
For Non-Commercial Use Only
This panorama can be embedded into a non-commercial site at no charge. Read more
Do you agree to the Terms & Conditions?
For commercial use, contact us
Embed this Panorama
WidthHeight
For Non-Commercial Use Only
For commercial use, contact us
License this Panorama

Enhances advertising, editorial, film, video, TV, Websites, and mobile experiences.

This panorama is not currently enabled for commercial licensing. Click here to ask us to help you find a replacement. If this is your panorama, Click here This panorama is not currently enabled for commercial licensing.

LICENSE MODAL

0 Likes

View from Piano del Lupo
Switzerland

Siamo nella zona degli alpi della Capriasca, qui un tempo vivevano le bestie feroci. Ce lo dice il toponimo, che in dialetto fa “pian dal Lüv”. Più sotto sta la “Lüèra”, che è poi la tana del lupo.


L’occhio è subito catturato dalla pianura e dalla vista che si apre a Sud. Un panorama che stupisce. Il ramo del lago di Lugano che bagna la città è tagliato dal ponte di Melide. La cima che si vede dietro è quella del Monte San Giorgio, dove sta il più importante ritrovamento al mondo di dinosauri marini. Il sito è stato dichiarato dall’UNESCO patrimonio mondiale dell’Umanità. Quella montagna lì, una volta, era il fondo del mare.

Bello il San Salvatore, che sovrasta la baia di Lugano sulla destra. Per la sua forma e la sua posizione è stato paragonato al Pan di Zucchero, che domina la baia di Rio de Janeiro.

Davanti sta la collina del san Bernardo, con i boschi di san Clemente e, proprio sotto a noi, ecco gli abitati della pieve Capriasca, dominati dalla chiesa prepositurale di santo Stefano a Tesserete.

Giriamo ancora in senso orario. Tra la baia di Lugano e quella di Agno si intravedono i paesi della periferia cittadina (Breganzona e Massagno) e la Collina d’Oro.

Procediamo verso ovest.

Davanti a noi i monti della Capiasca, dove la gente viveva da maggio a settembre, salendo con le bestie domestiche. Oggi molte case sono state trasformate in residenze secondarie. Una volta qui c’erano solo prati, ora c’è tanto bosco. 

Si riconoscono i monti di Condra e quelli di Gola di Lago. Le montagne dietro sono i Gradiccoli e il Tamaro, lungo il pendio del quale si riconosce la chiesa di santa Maria degli Angeli, progettata da Mario Botta.

Poi i pascoli degli alpeggi capriaschesi.

Ecco un sentiero. Porta all’alpe di Davrosio. Da lì sono passati, nel 2003, i ciclisti che gareggiavano nella maratona dei Campionati mondiali di Mountain Bike. Il sentiero porta al Crocione, dove nel 1901 è stata collocata una croce alta 7 metri, a ricordo dell’anno santo.


(Fonte: com. pers. Maurizio Cattaneo - Capriasca)

View More »

Copyright: Aurelio Ferrari
Type: Spherical
Resolution: 11000x5500
Taken: 16/07/2012
Uploaded: 16/07/2012
Updated: 31/03/2015
Views:

...


Tags: view; panorama; nature
comments powered by Disqus
More About Switzerland