1 Like

panorama dalla Torre del Bramante
Vigevano

La città di Vigevano sorge a trentacinque chilometri da Milano e da Pavia. Pur essendo una località antichissima le sue origini sono confuse. Il primo documento che menziona nella forma longobarda di "Vicogeboin" il borgo sorto in posizione strategica sopra un promontorio della costa del Ticino, è del 963.

Vigevano, collocata in posizione ottimale su un guado del fiume Ticino, diventò oggetto delle mire espansionistiche di Milano e di Pavia e per oltre 150 anni fu costretta a subire guerre, assedi e distruzioni. Con l'avvento delle Signorie, nel sec. XIV, il borgo migliorò le sue condizioni, soprattutto per gli importanti mutamenti urbanistici introdotti dai Visconti che culminarono nella costruzione dei "terraggi", della "rocca" e nel potenziamento del castello.

Durante il governo di Luchino Visconti venne costruita la possente "Strada Coperta" (1347) che collegava il Castello alla Rocca scavalcando le case del borgo. Morto Filippo Maria Visconti nel 1447 Milano proclamò l'Aurea Repubblica Ambrosiana presieduta da Pier Candido Decembrio, personaggio di origine vigevanese. Contro la nuova repubblica insorse Francesco Sforza, comandante dell'esercito visconteo, che tentò con ogni mezzo di impossessarsi del potere. Nell'aprile del 1449 Vigevano si ribellò al presidio sforzesco, si proclamò libero comune e si alleò a Milano, ma non bastò l'impegno di tutto il popolo guidato dall'eroina Camilla Rodolfi per resistere all'assedio delle truppe sforzesche condotte dal Colleoni, il 6 giugno il borgo dovette inchinarsi a Francesco Sforza che conquistò Milano nel febbraio dell'anno successivo e si fece proclamare nuovo duca. Forse in virtù dell'eroismo dimostrato dai Vigevanesi durante l'assedio, Francesco Sforza fu benevolo con loro e li favorì, concedendo al borgo vantaggiose norme commerciali. Scelse inoltre il castello di Vigevano come luogo preferito dalla Corte per i soggiorni estivi e per la caccia. Alla sua morte (1470) gli successe Galeazzo Maria, figlio iniquo e violento, che venne trucidato nel dicembre del 1476 nella Chiesa di Santo Stefano in Milano. Gli succedette il figlio Gian Galeazzo Maria, di soli 7 anni, tutelato della madre Bona di Savoia.

Nel turbolento momento del trapasso dei poteri fece la sua ricomparsa alla corte milanese Ludovico Maria detto il Moro, fratello del duca assassinato, rientrato da un forzato esilio in Toscana. Il Moro riuscì a farsi nominare Luogotenente Generale del ducato e, usurpando il potere ai tutori del giovane duca, si impadronì di fatto del potere. Nel 1486 avviò la bonifica del territorio vigevanese con la costruzione della fattoria modello "Sforzesca", e con l'edificazione di altre cascine. Furono inoltre ampliati e prolungati canali e rogge con grande beneficio dell'agricoltura. Successivamente il Moro dedicò le sue cure al borgo: nel 1490 con la costruzione di nuove scuderie e nel 1492 con l'inizio di nuovi edifici nel Castello. Contemporaneamente venivano avviati i lavori per l'apertura della nuova Piazza Maggiore (ora Ducale), che venne terminata nel 1494 in concomitanza con la nomina del Moro a Duca. La nomina fu illegittimamente ottenuta dopo la morte del giovane nipote Gian Galeazzo, deceduto nel Castello di Pavia in circostanze sospette.

Negli anni 1492/94 operarono a Vigevano Donato Bramante e Leonardo da Vinci. Al primo vengono attribuiti la "Loggia delle Dame", la "Falconiera" e la Torre, mentre Leonardo lasciò molti appunti che fanno riferimento a Vigevano ed alla Sforzesca. Nel 1500 il Moro, sconfitto e catturato dai francesi a Novara, venne imprigionato in Francia dove finì i suoi giorni nel 1508. Con la sua scomparsa Vigevano vide chiudersi il periodo aureo del rinnovamento urbanistico. Il successivo dominio francese segnò l'infeudazione di Vigevano al Maresciallo di Francia Gian Giacomo Trivulzio che impiantò nel borgo una arazzeria resa celebre della sua produzione. Seguirono nuove occupazioni straniere, guerre, pestilenze e difficoltà economiche.

Salito sul trono di Milano Francesco II Sforza, figlio del Moro e nativo di Vigevano, il 16 marzo del 1530, su sua sollecitazione, il Papa Clemente VII firmò a Bologna la bolla di erezione di Vigevano al rango di città e sede di Diocesi. Nel 1532, venne istituito il "Contado Vigevanasco". Ma il rifiorire della vita commerciale ed artistica della neonata città fu drasticamente interrotto il 1 settembre 1535 dalla prematura morte di Francesco II. Caduta sotto il dominio spagnolo dell'Imperatore Carlo V la città venne colpita da una serie gravissima di calamità: una terribile carestia nel 1628/29, una spaventosa epidemia di peste nel 1630 e due disastrosi assedi alla Rocca Nuova posti negli anni 1645/46, dapprima dai francesi e poi dagli spagnoli, che resero l'abitato "simile ad un triste deserto".

Chiusa la pesante parentesi spagnola all'inizio del XVIII secolo, le condizioni economiche di Vigevano migliorarono in modo sensibile, e nel 1750 la città contava 144 laboratori per la lavorazione della seta con 1600 addetti. Il 29 agosto 1789 la città venne riconosciuta dallo Stato Sardo capoluogo della "Provincia Vigevanasca" soppressa nel 1818 durante la "restaurazione" seguita alla parentesi napoleonica.

Il 10 agosto 1848 nel Palazzo Vescovile venne sottoscritto da re Carlo Alberto l'Armistizio Salasco che concluse la prima fase della Prima Guerra per l'Indipendenza ed il 21 marzo del 1849, alla ripresa delle ostilità, la Sforzesca fu teatro della battaglia vinta dai soldati Piemontesi contro gli Austriaci.

da smsrobecchi.it

Copyright: Andrea biffi
Type: Spherical
Resolution: 12000x6000
Geüpload: 05/04/2011
Geüpdatet: 23/05/2014
Keer bekeken: 202
comments powered by Disqus

Andrea Biffi
panorama dalle merlate della Torre del Bramante
Andrea Biffi
i tetti di Vigevano
Andrea Biffi
nella Torre del bramante
Andrea Biffi
Castello di Vigevano
Fabio Forfori
Piazza Ducale, Vigevano, PV, Italy
Andrea Biffi
Piazza Ducale a Vigevano
Andrea Biffi
Duomo di Vigevano
Fabio Forfori
Castello Sforzesco, Vigevano, PV, Italy (1)
Fabio Forfori
Vigevano3
Fabio Forfori
Vigevano2
Andrea Biffi
corte del Castello di Vigevano
Andrea Biffi
Strada Coperta al Castello di Vigevano
Pascal Moulin
Galeries du cloître de Cadouin - France
bibouroku tabito
Autumnal colors of "Momijiyama-garden" in Sumpuzyou Park(Sumpu Castle Park).  Shizuoka-City
Andrew Bodrov
Carrier Rocket Proton-M on the launch pad
Andrew Bodrov
Carrier Rocket Proton-M on the launch pad
Paul Linden
Bandipur Night View
Armin Leuprecht
Quiver tree forest
Ansiivan Ansiivan
Sunset
Willy Kaemena
Vienna - Graben - 2012
Paul Linden
Namo Buddha Stupa
Andrew Bodrov
Launch Site: Baikonur, Pad 81, Launcher 24
Hoylen Sue
Brisbane Botanic Gardens: Japanese Garden
Isaac Martinez
Design Miami 2012 during Art Basel Miami Beach
Andrea Biffi
belvedere sul lungolago di Stresa
Andrea Biffi
Portici a Vipiteno - Südtirol
Andrea Biffi
Palazzo Gotico di Piacenza
Andrea Biffi
Tree Lined Mall in Cemetery
Andrea Biffi
corte del Castello di Brunico - Südtirol
Andrea Biffi
bridge in St.Stephen's Green
Andrea Biffi
passaggio coperto a Casasco d'Intelvi
Andrea Biffi
Musée départemental de l'Oise
Andrea Biffi
Howth Head cliffs and Bailey Lighthouse
Andrea Biffi
Duomo di Bobbio (PC)
Andrea Biffi
Colonna Traiana
Andrea Biffi
il Sasso Gordona
More About Vigevano

La città di Vigevano sorge a trentacinque chilometri da Milano e da Pavia. Pur essendo una località antichissima le sue origini sono confuse. Il primo documento che menziona nella forma longobarda di "Vicogeboin" il borgo sorto in posizione strategica sopra un promontorio della costa del Ticino, è del 963.Vigevano, collocata in posizione ottimale su un guado del fiume Ticino, diventò oggetto delle mire espansionistiche di Milano e di Pavia e per oltre 150 anni fu costretta a subire guerre, assedi e distruzioni. Con l'avvento delle Signorie, nel sec. XIV, il borgo migliorò le sue condizioni, soprattutto per gli importanti mutamenti urbanistici introdotti dai Visconti che culminarono nella costruzione dei "terraggi", della "rocca" e nel potenziamento del castello.Durante il governo di Luchino Visconti venne costruita la possente "Strada Coperta" (1347) che collegava il Castello alla Rocca scavalcando le case del borgo. Morto Filippo Maria Visconti nel 1447 Milano proclamò l'Aurea Repubblica Ambrosiana presieduta da Pier Candido Decembrio, personaggio di origine vigevanese. Contro la nuova repubblica insorse Francesco Sforza, comandante dell'esercito visconteo, che tentò con ogni mezzo di impossessarsi del potere. Nell'aprile del 1449 Vigevano si ribellò al presidio sforzesco, si proclamò libero comune e si alleò a Milano, ma non bastò l'impegno di tutto il popolo guidato dall'eroina Camilla Rodolfi per resistere all'assedio delle truppe sforzesche condotte dal Colleoni, il 6 giugno il borgo dovette inchinarsi a Francesco Sforza che conquistò Milano nel febbraio dell'anno successivo e si fece proclamare nuovo duca. Forse in virtù dell'eroismo dimostrato dai Vigevanesi durante l'assedio, Francesco Sforza fu benevolo con loro e li favorì, concedendo al borgo vantaggiose norme commerciali. Scelse inoltre il castello di Vigevano come luogo preferito dalla Corte per i soggiorni estivi e per la caccia. Alla sua morte (1470) gli successe Galeazzo Maria, figlio iniquo e violento, che venne trucidato nel dicembre del 1476 nella Chiesa di Santo Stefano in Milano. Gli succedette il figlio Gian Galeazzo Maria, di soli 7 anni, tutelato della madre Bona di Savoia.Nel turbolento momento del trapasso dei poteri fece la sua ricomparsa alla corte milanese Ludovico Maria detto il Moro, fratello del duca assassinato, rientrato da un forzato esilio in Toscana. Il Moro riuscì a farsi nominare Luogotenente Generale del ducato e, usurpando il potere ai tutori del giovane duca, si impadronì di fatto del potere. Nel 1486 avviò la bonifica del territorio vigevanese con la costruzione della fattoria modello "Sforzesca", e con l'edificazione di altre cascine. Furono inoltre ampliati e prolungati canali e rogge con grande beneficio dell'agricoltura. Successivamente il Moro dedicò le sue cure al borgo: nel 1490 con la costruzione di nuove scuderie e nel 1492 con l'inizio di nuovi edifici nel Castello. Contemporaneamente venivano avviati i lavori per l'apertura della nuova Piazza Maggiore (ora Ducale), che venne terminata nel 1494 in concomitanza con la nomina del Moro a Duca. La nomina fu illegittimamente ottenuta dopo la morte del giovane nipote Gian Galeazzo, deceduto nel Castello di Pavia in circostanze sospette.Negli anni 1492/94 operarono a Vigevano Donato Bramante e Leonardo da Vinci. Al primo vengono attribuiti la "Loggia delle Dame", la "Falconiera" e la Torre, mentre Leonardo lasciò molti appunti che fanno riferimento a Vigevano ed alla Sforzesca. Nel 1500 il Moro, sconfitto e catturato dai francesi a Novara, venne imprigionato in Francia dove finì i suoi giorni nel 1508. Con la sua scomparsa Vigevano vide chiudersi il periodo aureo del rinnovamento urbanistico. Il successivo dominio francese segnò l'infeudazione di Vigevano al Maresciallo di Francia Gian Giacomo Trivulzio che impiantò nel borgo una arazzeria resa celebre della sua produzione. Seguirono nuove occupazioni straniere, guerre, pestilenze e difficoltà economiche.Salito sul trono di Milano Francesco II Sforza, figlio del Moro e nativo di Vigevano, il 16 marzo del 1530, su sua sollecitazione, il Papa Clemente VII firmò a Bologna la bolla di erezione di Vigevano al rango di città e sede di Diocesi. Nel 1532, venne istituito il "Contado Vigevanasco". Ma il rifiorire della vita commerciale ed artistica della neonata città fu drasticamente interrotto il 1 settembre 1535 dalla prematura morte di Francesco II. Caduta sotto il dominio spagnolo dell'Imperatore Carlo V la città venne colpita da una serie gravissima di calamità: una terribile carestia nel 1628/29, una spaventosa epidemia di peste nel 1630 e due disastrosi assedi alla Rocca Nuova posti negli anni 1645/46, dapprima dai francesi e poi dagli spagnoli, che resero l'abitato "simile ad un triste deserto".Chiusa la pesante parentesi spagnola all'inizio del XVIII secolo, le condizioni economiche di Vigevano migliorarono in modo sensibile, e nel 1750 la città contava 144 laboratori per la lavorazione della seta con 1600 addetti. Il 29 agosto 1789 la città venne riconosciuta dallo Stato Sardo capoluogo della "Provincia Vigevanasca" soppressa nel 1818 durante la "restaurazione" seguita alla parentesi napoleonica.Il 10 agosto 1848 nel Palazzo Vescovile venne sottoscritto da re Carlo Alberto l'Armistizio Salasco che concluse la prima fase della Prima Guerra per l'Indipendenza ed il 21 marzo del 1849, alla ripresa delle ostilità, la Sforzesca fu teatro della battaglia vinta dai soldati Piemontesi contro gli Austriaci.da smsrobecchi.it